+39.334.1291754 info@medintegra.it
CICLO MESTRUALE

CICLO MESTRUALE

I disturbi del ciclo mestruale sono molto diffusi.

Moltissime donne ne soffrono con conseguenti disagi sia dal punto di vista fisico che psicologico.

L’alterazione del ciclo mestruale può comparire fin dai primi cicli (menarca) fino alla menopausa che di solito avviene verso i cinquant’anni.

I disturbi e le irregolarità del ciclo mestruale possono essere dovuti a molte cause.

Possono non essere rispettati i tempi fisiologici dell’ovulazione, dell’inizio e della durata del flusso mestruale.

Ci può essere dolore intenso, di solito durante il flusso mestruale soprattutto all’inizio e in alcune donne anche durante il picco ovulatorio.

Anche abitudini sbagliate di vita, stress lavorativi, squilibri ormonali in genere, possono dare disturbi del ciclo mestruale.

cefalea legnago

Da un punto di vista neuromodulatorio sono molti i disturbi del ciclo mestruale che possono avvenire per la non ottimale regolazione dell’equilibrio ortosimpatico-parasimpatico (due componenti di regolazione di attività biologiche a livello di molti organi e apparati).

Nelle medicine non convenzionali come l’agopuntura, l’auricoloterapia, l’omotossicologia,  la neuralterapia, etc…. possiamo ottenere ottimi risultati terapeutici senza ricorrere sempre a terapie farmacologiche tradizionali come ormoni, antidolorifici, spasmolitici.

Nell’affrontare i disturbi del ciclo mestruale, dopo gli opportuni accertamenti di laboratorio, visita medica, eventuali esami radiologici, se non vengono riscontrate alterazioni ben precise che possono condizionare il ciclo mestruale, possiamo senza dubbio intraprendere  le cure  con le medicine non convenzionali che notoriamente sono medicine dolci e che rispettano l’equilibrio e le potenzialità insite nell’organismo.

Particolare efficacia può avere l’auricoloterapia con l’omotossicologia. Questa disciplina, attraverso la stimolazione di alcuni punti del padiglione auricolare e la somministrazione di rimedi omotossicologici, produce effetti regolatori in organi ed apparati a distanza.

Può ottenere un buon controllo dell’equilibrio ortosimpatico/parasimpatico che porterà ad un miglioramento dei disturbi del ciclo mestruale.

Poiché un disequilibrio del sistema ortosimpatico/parasimpatico influisce anche su altri organi ed apparati oltre a quello ginecologico, modificando e migliorando questo equilibrio, possiamo ottenere un miglioramento delle condizioni di salute da un punto di vista più generale.

L’integrazione dell’auricoloterapia, dell’omotossicologia (con preparati a base di Lilium) e con la mesoterapia in punti opportunamente scelti porta spesse volte a risultati molto soddisfacenti.

Nel caso di donne in cui coesistono disagi psicologici può essere molto utile la Grafologia Medica che, attraverso lo studio della grafia, ha la peculiarità di poter misurare l’ansia e lo stress della persona. 

Oltre a ciò è utile per distinguere se l’ansia non è particolarmente grave, se è un’ansia incontrollata oppure un’ansia che predispone ad una situazione depressiva, etc…. Ottenendo un miglioramento della salute fisica otterremo un miglioramento della condizione mentale e psicologica.

Per motivi di tempo non è sempre possibile fare la rivalutazione grafologica (a fine del programma terapeutico), anche se questo tipo di valutazione, quando fatta, aiuta moltissimo l’operatore. Sia per il monitoraggio dell’ansia che per la valutazione dei successi terapeutici più in generale.

Nell’ambito dei disturbi del ciclo mestruale i disturbi che più infastidiscono le pazienti sono il dolore soprattutto all’inizio del ciclo mestruale e il malessere generale  che hanno quando il ciclo non rispetta la regolarità dei tempi.

In alcuni casi clinici trattati contemporaneamente con l’auricoloterapia, l’omotossicologia, l’agopuntura si sono riscontrati risultati buoni nell’arco di quattro-cinque sedute.

Una volta ottenuti buoni risultati è consigliabile mantenere qualche seduta nel tempo, cosa che le pazienti fanno molto volentieri  soprattutto in considerazione dei risultati positivi ottenuti.

Nelle donne in cui i disturbi del ciclo mestruale si associano a trattenimento dei liquidi che comporta immancabilmente gonfiore di pancia e gonfiore agli arti inferiori e cefalea, è abbastanza agevole trattare nelle stesse sedute anche questi disturbi aggiungendo qualche punto di stimolazione, integrando le fiale di omotossicologia  con i rimedi adeguati, con l’ozonoterapia per il beneficio circolatorio degli arti inferiori.

 

Se hai domande in merito a questo argomento, contattaci e saremo felici di aiutarti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU ARTICOLI E INIZIATIVE DI MEDINTEGRA.

9 + 13 =

C’E’ UNA PROBLEMATICA CHE NON RIESCI A RISOLVERE?

UN DOLORE CHE PROPRIO NON SE NE VUOLE ANDARE?

 

Contattaci compilando il modulo qui sotto, saremo felici di aiutarti.

Chiama il 334.1291754

Una migliore assistenza sanitaria è la nostra missione

334.1291754

info@medintegra.it

Via P.D. Frattini, 7 37045 Legnago (Verona)

CEFALEA

CEFALEA

La cefalea è un termine generico che significa dolore al capo.

Almeno il 95% della popolazione mondiale almeno una volta nella vita ha avuto un mal di testa.

Le cefalee si distinguono in primarie, nelle quali non si riesce a identificare una precisa causa. Cefalee secondarie, ovvero quelle che avvengo conseguentemente ad altri disturbi ben identificabili.

Le cefalee primarie sono l’emicrania, la cefalea muscolo tensiva, le cefalee a grappolo e le cefalee autonomico-trigeminali, altri tipi.

Tra le cefalee secondarie troviamo quelle dovute a trauma cranico o cervicale, disturbi vascolari cranici o cervicali, all’uso di sostanze chimiche, dovute ad infezioni, dovute a disturbi facciali, del cranio del collo, tutte le parti della testa, cefalee da disturbi psichiatrici.

 

 

cefalea legnago

Poi ci sono altri tipi di cefalee più rare dovute a disturbi del sistema nervoso centrale.

L’emicrania, una forma di cefalea molto diffusa, può presentare l’aura oppure no. L’aura è una serie di sintomi che accompagnano la fase del dolore.

L’emicrania è la forma di cefalea più frequente, colpisce il 15-25% della popolazione generale con predominanza nel sesso femminile con rapporto 3 : 1.

La cefalea muscolo-tensiva è molto diffusa. Di solito è episodica. Nel 10% delle persone che ne soffrono ricorre frequentemente. In circa il 3% degli adulti e dei bambini che ne soffrono è cronica.

Un tipo di cefalea secondaria molto diffusa è quella da eccessivo uso di farmaci. Colpisce l’1-2% degli adulti, maggiormente donne, e circa lo 0,5% dei bambini e degli adolescenti.

L’inquadramento delle cefalee deve essere fatto sempre da un medico.

 

Il trattamento sintomatico dell’emicrania nella medicina convenzionale è basato sull’uso di antinfiammatori, antidolorifici, farmaci specifici come i triptani, associati o meno a farmaci per la nausea e il vomito.

Esiste anche il trattamento preventivo che ha lo scopo di ridurre la frequenza e l’intensità degli attacchi.

I farmaci per il trattamento preventivo possono essere associati alla terapia sintomatica. I farmaci più usati nel trattamento preventivo sono: betabloccanti, topiramato, amitriptilina, candesartan, flunarizina, etc.

Esistono trattamenti terapeutici della cefalea e dell’emicrania anche con tecniche e medicine non convenzionali. Questa alternativa che può essere associata anche alla medicina convenzionale prevede l’uso di rimedi o tecniche terapeutiche singole oppure associate insieme. Da studi posturologici è emerso che molti casi di emicrania trovano elementi scatenanti in disturbi posturali.

La valutazione del posturale tiene conto non solo della postura nel senso della struttura osteo-muscolo-scheletrica in relazione allo spazio, ma anche ciò che può condizionare negativamente una postura corretta a partire da cause apparentemente disgiunte dall’equilibrio posturale come: disturbi digestivi, fattori stressanti, disturbi dell’orecchio e dell’equilibrio, etc…La valutazione posturale è sempre molto importante.

Nel trattamento dell’emicrania con agopuntura e auricoloterapia si ottengono risultati molto importanti. Ciò è confortato anche dalla letteratura medica internazionale.

La valutazione multidisciplinare del paziente è fondamentale per conoscere il tipo di mal di testa di cui soffre contestualizzato alle sue abitudini di vita, eventuali farmaci assunti, problematiche e abitudini scorrette. Spesso si ottengono ottimi risultati con l’approccio multidisciplinare.

L’approccio con medicine integrate, cioè la convenzionale, la posturologia, l’auricoloterapia, la medicina manuale e la dietologia portano alla risoluzione di numerosi casi di cefalea e emicrania.

È interessante vedere come alcuni tipi di mal di testa siano correlati a stress. Non è casuale che molti punti di agopuntura e auricoloterapia per il trattamento della cefalea e dell’emicrania siano punti in comune con il trattamento dell’ansia, la depressione, disturbi metabolici, etc…

Il trattamento della cefalea e dell’emicrania si presta molto ad essere trattato sia solamente con tecniche non convenzionali che parallelamente a quelle convenzionali.

Nel caso di successo terapeutico delle tecniche non convenzionali è possibile ridurre fino a sospendere la terapia con farmaci convenzionali, cosa molto gradita a un gran numero di pazienti.

 

Se hai domande in merito a questo argomento, contattaci e saremo felici di aiutarti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU ARTICOLI E INIZIATIVE DI MEDINTEGRA.

7 + 7 =

C’E’ UNA PROBLEMATICA CHE NON RIESCI A RISOLVERE?

UN DOLORE CHE PROPRIO NON SE NE VUOLE ANDARE?

 

Contattaci compilando il modulo qui sotto, saremo felici di aiutarti.

Chiama il 334.1291754

Una migliore assistenza sanitaria è la nostra missione

334.1291754

info@medintegra.it

Via P.D. Frattini, 7 37045 Legnago (Verona)

VERTIGINI

VERTIGINI

Le vertigini possono essere di durata variabile e di diverso tipo.

La vertigine è un movimento illusorio, cioè la sensazione di compiere un movimento che in verità non esiste. Può essere un fenomeno di breve durata, passeggero o di frequenza variabile.

Talvolta la sensazione di instabilità può essere intensa e provocare cadute. È molto diffusa e aumenta con l’età.

Nella maggior parte dei casi la vertigine è dovuta all’alterazione della parte interna dell’orecchio, quella specifica dedicata all’equilibrio cioè l’orecchio vestibolare, oppure del cervello, cioè di origine centrale (sistema nervoso centrale).

Le vertigini quindi si distinguono in periferiche e centrali.

 

Difese immunitarie vaccinazioni e covid

La vertigine periferica, dovuta a problematiche vestibolari è perlopiù di origine benigna: la vertigine parossistica benigna (VPB).

Spesso questo tipo di vertigine è dovuta al distaccamento di otoliti, cioè di piccoli cristalli di ossalato di calcio presenti nell’apparato vestibolare cioè dell’orecchio interno.

Il distaccamento può avvenire per molti motivi: motivi traumatici, fattori ereditari, altre cause. Questi otoliti staccandosi dalla sede naturale, nei loro movimenti anomali, trasmettono al cervello segnali non corretti. Poiché tali tipi di segnali sono fondamentali per il mantenimento dell’equilibrio, i segnali non corretti mandati creano disfunzioni organiche e dell’equilibrio tali da creare problemi di alterazione dell’equilibrio fino a sbandamenti e/o cadute.

Un’altra causa di vertigine è la neuronite vestibolare, cioè l’infiammazione del nervo che collega il sistema dell’equilibrio con il cervello. Spesso le cause sono di natura infiammatoria, molto spesso dovuta ad infezioni virali anche da herpes virus.

La vertigine di origine centrale, cioè legata a problemi del cervello, può essere dovuta anche a patologie importanti (masse cerebrali, malformazioni, ictus, etc…). È molto importante fare accertamenti da persone competenti per approfondire il problema.

Le pseudo vertigini sono un altro tipo di vertigine che ha origine da disturbi della circolazione delle piccole arterie e vene del sistema dell’equilibrio. Malattie come il diabete, problemi legati al fumo, problemi tossici alimentari, inquinanti, eccetera sono fattori di rischio per l’insorgenza di vertigini.

Quando compaiono le vertigini, i disturbi che si provano possono essere molto vari: sensazione di instabilità, difficoltà di orientamento nello spazio circostante, nausea, vomito, disturbi visivi, disturbi dell’udito, sensazione di ansia, difficoltà di concentrazione, eccetera eccetera.

La diagnosi corretta del tipo di vertigini tiene conto sempre di una visita e di una anamnesi che spesso orientano per una corretta diagnosi.

Si cerca nelle abitudini del soggetto, alimentari, lavorative, stress emotivi, eccetera. Vengono svolti test specifici clinici e con strumentazioni apposite per l’equilibrio, la valutazione dei movimenti involontari dei bulbi oculari.

Talvolta la diagnosi corretta è abbastanza semplice, talvolta necessita di esami più approfonditi come la risonanza magnetica, la tac, eccetera.

La terapia delle vertigini va da semplici manovre per ricondurre gli otoliti nella loro sede naturale. Talvolta occorre usare farmaci tradizionali, talvolta sono molto utili le medicine non convenzionali come l’auricoloterapia e l’agopuntura.

Alcuni punti del padiglione auricolare, testati in numerosi casi clinici, possono contribuire alla cura delle vertigini e tutti i sintomi associati alle crisi vertiginose.

Qualora le vertigini siano associate a disturbi posturali eo disturbi del rachide cervicale è molto utile il trattamento del rachide cervicale con agopuntura, auricoloterapia, manipolazioni vertebrali, elettroagopuntura.

La terapia classica con farmaci o con manovre specifiche liberatorie può essere fatta contemporaneamente alle pratiche di medicina non convenzionale.

 

Se hai domande in merito a questo argomento, contattaci e saremo felici di aiutarti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU ARTICOLI E INIZIATIVE DI MEDINTEGRA.

12 + 7 =

C’E’ UNA PROBLEMATICA CHE NON RIESCI A RISOLVERE?

UN DOLORE CHE PROPRIO NON SE NE VUOLE ANDARE?

 

Contattaci compilando il modulo qui sotto, saremo felici di aiutarti.

Chiama il 334.1291754

Una migliore assistenza sanitaria è la nostra missione

334.1291754

info@medintegra.it

Via P.D. Frattini, 7 37045 Legnago (Verona)

DIFESE IMMUNITARIE – VACCINAZIONI E COVID

DIFESE IMMUNITARIE – VACCINAZIONI E COVID

La prerogativa di avere difese immunitarie piuttosto valide è importante, anche se con motivi diversi, in tutte e quattro le fasi:

  • prima della vaccinazione;
  • dopo la vaccinazione;
  • in prevenzione della malattia Covid-19;
  • dopo la malattia Covid-19.

 

Per prevenire effetti collaterali da vaccino e poter concludere una malattia da Covid-19 in maniera più modesta possibile, è molto importante creare un’ attivazione del sistema immunitario che non sia tale da impegnarlo troppo.

Sono molto importanti le ossigeno-ozonoterapia e alcune tecniche omotossicologiche, da sole o integrate.

 L’ossigeno-ozono terapia attiva sia il sistema anticorpale, sia i sistemi antiossidanti del nostro organismo in modo assolutamente provato scientificamente.

 

Difese immunitarie vaccinazioni e covid

Si può optare per le forme più semplici, cioè attraverso la somministrazione di acqua ozonizzate più volte alla settimana, oppure con piccolissime insignificanti iniezioni.

Questo step aumenta molto la validità della terapia.

Le piccolissime iniezioni se fatte nei punti di agopuntura hanno una valenza ancora maggiore.

La seduta si svolge in modo molto semplice, veloce e non comporta disagi per il paziente, il quale subito dopo la terapia può svolgere normalmente le sue attività quotidiane.

L’omotossicologia si avvale di rimedi che possono essere assunti per bocca (compresse, gocce, ovuli sublinguali) oppure sempre in fiale attraverso micro iniezioni nei punti di agopuntura.

In aggiunta, per aiutare l’organismo a difendersi, in prevenzione di malattie infettive, un ruolo fondamentale va riconosciuto a drenanti metabolici.

Questi rimedi agiscono potenziando la respirazione del mitocondrio (le centrali delle nostre cellule) attraverso il drenaggio del sistema linfatico.

Tali pratiche sono ampiamente collaudate anche per altre patologie o disturbi come:

  • la ritenzione di liquidi;
  • sindromi dolorose in genere;
  • allergie;
  • etc etc…

In conclusione, l’aspetto sul quale vale la pena riflettere è poi il seguente:

chi soffre dei disturbi sopra citati,  può effettuare una terapia sia per la sua patologia di base che, in prevenzione della malattia Covid.

 

Effettivamente un doppio vantaggio benefico.

 

Se hai domande in merito a questo argomento, contattaci e saremo felici di aiutarti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU ARTICOLI E INIZIATIVE DI MEDINTEGRA.

7 + 7 =

C’E’ UNA PROBLEMATICA CHE NON RIESCI A RISOLVERE?

UN DOLORE CHE PROPRIO NON SE NE VUOLE ANDARE?

 

Contattaci compilando il modulo qui sotto, saremo felici di aiutarti.

Chiama il 334.1291754

Una migliore assistenza sanitaria è la nostra missione

334.1291754

info@medintegra.it

Via P.D. Frattini, 7 37045 Legnago (Verona)

DOLORI CERVICALI E LOMBARI…A livello mondiale la causa più ricorrente di disabilità ed assenza dal lavoro.

DOLORI CERVICALI E LOMBARI…A livello mondiale la causa più ricorrente di disabilità ed assenza dal lavoro.

Approfondiamo quindi l’integrazione delle medicine convenzionali e non nel trattamento del dolore cervicale e lombare.

Nel caso di dolori cervicali e lombari la zona interessata è la colonna vertebrale, vediamo di capire anatomicamente di cosa stiamo parlando.

La colonna vertebrale risulta composta da un totale di 33-34 vertebre e si suddivide in 5 distretti:

  • Cervicale
  • Dorsale
  • Lombare
  • Sacrale
  • Coccigeo

 

 

Il Dolore Cervicale, o Cervicalgia, rappresenta a tutti gli effetti uno dei disturbi muscolo-scheletrici più diffusi nella popolazione occidentale.

Comunemente si lamenta un dolore al collo usando le comuni espressioni “Soffro di Cervicale” o “Ho la Cervicale”.

Nella medicina tradizionale non esiste alcun disturbo ufficialmente riconosciuto con il termine “Cervicale”, quindi in realtà è un’espressione poco indicativa..

dolore cervicale legnago

Come riconoscere un dolore cervicale? 

Potremmo dire che 5 sono i punti principali:

  • il dolore al collo che può estendersi al di sopra delle spalle sui muscoli trapezi, fino alle braccia ed alle mani, avvertito maggiormente al mattino, dopo l’assunzione di posture prolungate o dopo intense ore di lavoro al computer;
  • una rigidità del collo anche questa notata maggiormente la mattina;
  • mal di testa che si manifesta con maggiore intensità al mattino, dopo aver assunto posizioni non adeguate durante il sonno o per le condizioni del letto non idonee per la nostra cervicale;
  • il formicolio alle braccia avvertito maggiormente di notte o al mattino, oppure quando si assumono determinate posizioni;
  • una sensazione di vertigini quando si guarda in basso o in alto e si torna nella posizione neutra iniziale, soprattutto se tali movimenti sono compiuti in modo brusco.

 

Per quanto riguarda invece il dolore lombare i sintomi più ricorrenti sono:

  • dolore localizzato nella zona lombare centrale o laterale 
  • dolore sciaticale (che si può manifestare con dolore, formicolio o intorpidimento) 
  • dolore al gluteo 
  • dolore all’inguine 

Molte volte la lombalgia è il risultato di una lesione, come distorsioni muscolari o stiramenti dovuti a movimenti improvvisi o il sollevamento di oggetti pesanti.

La causa più frequente dei sintomi sopracitati è legata sicuramente alla postura.

Gli squilibri posturali sono molto diffusi,. Alterazioni dell’inclinazione del piano delle scapole come quello del  bacino spesso, associati a scogliosi, sono molto spesso correlati a dolore lombare e cervicale. Le problematiche cervicali possono essere la causa dei disturbi dolorosi anche della testa e del dorso. I disturbi dolorosi della colonna lombare sono spesso correlati a disturbi degli arti inferiori e  addominali.

In generale a causare questi disturbi sono:

  • traumi accaduti molto tempo prima anche a distanza di molti anni come incidenti stradali, etc…;
  • episodi psicologico-emotivi non risolti positivamente;
  • disturbi posturali non riconosciuti e non trattati in età giovane come ad esempio piede piatto, scogliosi, disturbi della masticazione, etc…;
  • posture scorrette nell’attività lavorativa;
  • somatizzazioni;
  • vita sedentaria – stare molto seduti;
  • attività lavorativa svolta in piedi;
  • attività sportiva errata o eccessiva;
  • sovrappeso.

Alcuni sintomi sono meno evidenti ma molto fastidiosi, talvolta invalidanti, come:

  • senso di instabilità;
  • acufeni;
  • episodi di tachicardia;
  • stato d’ansia;
  • disturbi del sonno;

Ecco che, come dicevamo nel precedente articolo, attraverso un’ analisi accurata di tutti questi aspetti è possibile programmare un percorso terapeutico personalizzato integrando metodiche  sia di medicina convenzionale che olistico-non convenzionale.

Molto importante è informare il paziente su quanto riscontrato dalla visita e sulla consistenza delle metodiche terapeutiche proposte. Con l’impegno di chi pratica  la terapia e la collaborazione dell’assistito ( “patto terapeutico”) molto spesso si raggiungono risultati ottimali.

Se ti riconosci in questi disturbi, è probabile che tu  soffra di dolori cervicali e/o lombari.

Molte persone hanno raggiunto risultati molto buoni . Ritornando ad una qualità di vita francamente migliore liberandosi o quantomeno mitigando fastidiosi disturbi.

 

Se hai domande in merito a questo argomento, contattaci e saremo felici di aiutarti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU ARTICOLI E INIZIATIVE DI MEDINTEGRA.

9 + 9 =

C’E’ UNA PROBLEMATICA CHE NON RIESCI A RISOLVERE?

UN DOLORE CHE PROPRIO NON SE NE VUOLE ANDARE?

 

Contattaci compilando il modulo qui sotto, saremo felici di aiutarti.

Chiama il 334.1291754

Una migliore assistenza sanitaria è la nostra missione

334.1291754

info@medintegra.it

Via P.D. Frattini, 7 37045 Legnago (Verona)

× Come possiamo aiutarti?